Il tumore rende liberi

anno
2018

timing progetto
21:24h

LAVORO E MALATTIA
Ritrovarsi con un tumore alla soglia dei trent’anni è un po’ come se il passeggero che hai di fianco decidesse di tirare il freno a mano mentre tu e la tua vita siete lanciati sulla strada libera dal traffico.


giphy.gif
 

abstract ↓

Cadendo nella retorica proprio all'ultimo, confermo che scrivere di un tumore è difficile. Affidandoci all'immaginario collettivo (che per fortuna rimane l'unica interpretazione valida per la stragrande maggioranza delle persone) rimane difficile scovare una chiave di lettura che si discosti dalla visione filo-malinconica che "gli altri" hanno della malattia.
Sono andato alla ricerca di un punto di vista costruttivo, raccontando gli ultimi sei mesi grazie a un punto di vista che attraversa tempo, lavoro e terapia; una razionalizzazione della sfiga che a parer mio aiuta comunque ad affrontare la battaglia in maniera più efficace. Al meglio delle mie possibilità ho cercato di raccontare come la propria professione, l'attività costante e una visione solida del proprio futuro possano convogliare in una inaspettata occasione di crescita personale.


Dedico il mio primo articolo di Medium ad una squadra instancabile fatta di famiglia, amici e medici.